Terra Matta

by Persian Pelican

/
  • Streaming + Download

    Includes high-quality download in MP3, FLAC and more. Paying supporters also get unlimited streaming via the free Bandcamp app.
    Purchasable with gift card

      name your price

     

1.
03:02
2.
3.
4.
5.
6.
03:20

about

Il canto popolare è un'espressione profondamente radicata al territorio, poiché custodisce le tradizioni e l'identità di una comunità. Attraverso di esso si può comprendere il nostro passato, le condizioni sociali dei nostri antenati e i loro bisogni legati all'amore, al lavoro ed alle relazioni sociali.
Da qui nasce TERRA MATTA, una riscrittura sonora riguardante canzoni di Rosa Balistreri (Licata 1927 - Palermo 1990) realizzata da Persian Pelican, progetto del musicista marchigiano Andrea Pulcini. Il lavoro è il risultato di un bando ideato da 10 HeartZ che consisteva in una residenza musicale nei territori marchigiani colpiti dal sisma dell’agosto 2016. L’EP è stato concepito e registrato all’interno di una yurta dell’Azienda Agricola Scolastici di Macereto (MC) con la collaborazione di Paola Mirabella (voce, percussioni) e Roberto Colella (tecnico del suono).

In Italia poche voci come quella della cuntastorie e cantastorie siciliana hanno saputo incarnare in modo autentico la ricchezza di una terra, le sofferenze di un popolo, i soprusi dei potenti, i rapporti tra mafia e politica, la condizione subalterna delle donne.
Secondo il poeta Ignazio Buttitta “il suo canto strozzato, drammatico, angosciato, pareva uscisse dalla terra arsa di Sicilia, perché Rosa Balistreri è un personaggio favoloso, direi un dramma, un romanzo, un film senza volto”. Rosa cantava in dialetto, recuperando testi antichi o appartenenti alla tradizione orale. La potenza autentica della sua opera era tale che nel corso degli anni la sua musica è uscita fuori dai confini regionali per rendersi patrimonio della musica mondiale al pari di Amalia Rodrigues, Odetta, Maria Bethania.

TERRA MATTA non è un’opera commemorativa, ma un dialogo a distanza tra mondi diversi, ma non per questo lontanissimi. Fin dagli inizi del suo percorso Persian Pelican, si è interessato al folk, sfilacciando e ricomponendo a livello musicale e strutturale la grammatica della forma canzone tradizionale.

I titoli selezionati sono stati Avò, Terra ca nun senti, I Pirati a Palermu, Ti vogliu beni assai, La Sicilia havi un patruni e Quannu moru. La scelta non è stata casuale, poiché in ognuno di essi c'è più di un parallelo con la situazione dei territori coinvolti dal sisma. Si va dall'amore per la propria terra, al dolore di doverla lasciare, alle ombre sul tema della ricostruzione.

TERRA MATTA vuole donare nuova linfa alla tradizione del canto popolare senza campanilismi di sorta e continuare a far vivere il canto e la voce di Rosa, poiché come lei stessa cantava “quannu io moru cantati li me canti, un li scordati cantatili pi l’antri”.

credits

released September 21, 2018

TERRA MATTA
Persian Pelican canta Rosa Balistreri

Andrea Pulcini - Voce, Chitarre, Basso, Setar, Omnichord, Synth
Paola Mirabella - , Voce, Batteria, Percussioni, Toy Piano
Registrato in una yurta presso l'Azienda Agricola Scolastici di Macereto (MC) da Bob Colella.
Mixato a Bologna da Andrea Pulcini.
Masterizzato a Bologna presso lo Studio Spaziale da Roberto Rettura.

Progetto grafico e foto di copertina di Andrea Pulcini.

Terra Matta è stato realizzato con il sostegno del MiBACT e SIAE, nell'ambito dell'iniziativa "Sillumina - Copia privata per i giovani, per la cultura", 10 Heartz, Arci Ancona, Arci Macerata, Kindustria.

license

all rights reserved

tags

about

Trovarobato Bologna, Italy

Trovarobato è un'associazione culturale che opera come etichetta discografica, booking, centro di produzioni radiofoniche ed eventi. Ha sede a Bologna. Trovarobato è: Robin Luis Fernandez, Gianluca Giusti, Andrea Lodi e Michele Orvieti.

contact / help

Contact Trovarobato

Streaming and
Download help

Shipping and returns

Redeem code

Track Name: Avò
Avo’ l’amuri miu ti vogliu beni
L’ucchiuzzi di me’ figlia su’ sireni
Chi havi la figlia mia ca sempri cianci
Voli fatta la naca ’mmenzu l’aranci

Specchiu di l’occhi mia facci d’aranciu
Ca mancu ppi ’n tesoru iu ti canciu
Figlia di l’arma mia facciuzza bedda
La mamma t’havi a fari munachedda

E munachedda di lu Sarvaturi
Unni ci stannu i nobbili e i signuri
Ora s’addummiscìu la figlia mia
Vardatimmilla vui Matri Maria
Track Name: Terra ca nun senti
Malidittu ddu mumentu
ca graprivu l’occhi nterra
nta stu nfernu.‎
‎ ‎
Sti vint’anni di turmentu
cu lu cori sempri nguerra
notti e jornu.‎
‎ ‎
Terra ca nun senti
ca nun voi capiri
ca nun dici nenti
vidennumi muriri!‎
‎ ‎
Terra ca nun teni
cu voli partiri
e nenti cci duni
pi falli turnari.‎
‎ ‎
E chianci chia…‎
Ninna oh!‎
‎ ‎
Malidittu… tutti st’anni
cu lu cori sempri nguerra
notti e jornu.‎
‎ ‎
Malidittu cu t’inganna
prumittennuti la luci
e a fratillanza.‎
Track Name: I pirati a Palermu
Arrivaru li navi
Quanti navi a Palermu
Li pirati sbarcaru
Cu li facci d’infernu

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu a lu scuru,
Chi scuru
Sicilia Chianci!

Tuttu l’oru all’aranci
Li pirati arrubbaru
Li campagni spugghiati
Cu la negghia lassaru

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu allu scuru,
chi scuru
Sicilia chianci!

Li culura do mari
N’arrubbaru chi dannu
Su’mpazzuti li pisci
Chi lamentu chi fannu

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu allu scuru,
chi scuru
Sicilia chianci!

Alli fimmini nostri
Ci scippare di l’occhi
La lustrura e lu focu
Ca addumava li specchi

N’arrubbaru lu suli, lu suli
Arristammu a lu scuru,
chi scuru
Sicilia chianci!
Track Name: Ti vogliu beni assai
Ti vogliu beni assai chi c’hai a fari,
ca chiù putissi fari, chiù faria.
Si voi stu cori ti lu pozzu dari,
l’arma un ti la dugnu, ca unn’è mia.
Si voi stu cori ti lu pozzu dari,
l’arma un ti la dugnu, ca unn’è mia.
Bedda quantu mi piaci stu to fari
si tutta moda e tutta puisia,
statti cuieta e nun ti dubitari,
sta in sirviziu tò la vita mia,
statti cuieta e nun ti dubitari,
sta in sirviziu tò la vita mia.
Track Name: La Sicilia havi un patruni
La Sicilia havi un patruni
un patruni sempri uguali
ca la teni misa ncruci
e cci canta u funerali.

La Sicilia havi un guvernu
un guvernu ’taliànu
cu la furca a lu capizzu
e la corda nna li manu.

La Sicilia havi una patria
chi la stringi nta li vrazza
ma nzammài dumanna pani
finci dallu e tannu ammazza.

La Sicilia è spupulata
un disertu ogni paisi
vecchi e cani nta li strati
picciriddi scàvusi misi.

Li picciotti sunnu fora
ca li vrazza l’hannu sani
ma lu patri ’taliànu
si vinniu p’un pezzu di pani.

La Sicilia è addummisciuta
dormi u sonnu di li morti
ed aspetta mentri dormi
chi canciassi la so’ sorti.

Ma la sorti nun è ostia
un è grazia di li santi
si conquista cu la forza
nta li chiazzi e si va avanti.

Povira terra mia
comu si po’ campa’.
Track Name: Quannu moru
Quannu iu moru nun mi diciti missa
Ma ricurdati di la vostra amica.
Quannu iu moru purtatimillu un ciuri,
un ciuri granni e russu comu lu sangu sparsu

Quannu iu moru faciti ca nun moru,
diciti a tutti chiddu ca vi dissi.
Quannu iu moru 'un vi sintiti suli,
ca suli nun vi lassu mancu di ntra lu fossu.

Quannu iu moru, cantati li me canti
'un li scurdati cantatili pi l'antri,
quannu iu moru pinzatimi ogni tantu,
ca pi sta terra 'ncruci murivu senza vuci,

ca pi sta terra 'ncruci io moru senza vuci.

Trovarobato recommends:

If you like Terra Matta, you may also like: